venerdì 11 febbraio 2011

Te lo do io il pangoccioli!

Ho una cognata piccola piccola che ha 11 anni e, come tutti i ragazzini della sua età, va matta per le merendine, in particolare per il pangoccioli del Mulino Bianco. Chi, come me, ha poco più di 30 anni fa sicuramente parte della generazione-merendina, cioè siamo stati i primi adolescenti nella storia del mondo a nutrirci di schifezze preconfezionate che la martellante pubblicità televisiva ci ha proposto come miglior cibo possibile, consumato persino dalla bella famigliola di turno che viveva o in bellissimo casale di campagna o  dentro ad un faro diroccato...fatto sta che ancora oggi le suddette merendine la fanno ancora da padrone e regnano incontrastate nella hit parade dei gusti dei teenager, adolescenti, preadolescenti e, ahimè, anche dei bambini più piccoli.


Io e mio fratello per fortuna all'epoca siamo solo stati sfiorati in parte dal fenomeno merendina e ricordo ancora con piacere le merende fatte in casa preparate dalla mamma o dalla nonna di turno con pane e marmellata, una bella fetta di torta fatta in casa o il mio adoratissimo pane, burro e alici, cosa che farebbe inorridire di sicuro la gioventù attuale (c'è da sottolineare il fatto che le alici venivano messe sotto sale in casa e non c'entravano nulla in fatto di gusto con quelle che si acquistano sott'olio al supermercato).
Comunque, per compiacere la cognatina venuta in visita da noi, ho comprato più e più volte i pangoccioli del Mulino bianco ma, l'allettante immagine della confezione dove troneggia un panciuto panino pieno zeppo di gocce di cioccolato svanisce subito dietro ad una zaffata di odori alccolici che si avvertono al solo aprire la busta di plastica! E poi, dopotutto, le gocce di cioccolato non sono mica tante quante nel disegno....e se leggiamo la tabella nutrizionale ci troviamo dentro i peggiori nemici della salute: zucchero bianco, farina bianca, latte, sale e aromi chimici!
Ho deciso così di farmeli da sola i pangoccioli e, addirittura, ho voluto esagerare e  ho creato un mega pangoccioli gigantesco, cioè una forma di pane con dentro tanta cioccolata fondente....mmmmggnammmmm!
Ecco la ricetta:
-350gr di farina di grano integrale biologica
-130ml di latte di soia biologico
-100gr di cioccolato fondente biologico equo-solidale
-70gr di olio extravergine di oliva biologico
-60 gr di guarapo (zucchero integrale di canna biologico equo-solidale)
-1 uovo intero biologico + 1 tuorlo per spennellare
-10gr di lievito fresco
-1 pizzico di sale
Far sciogliere il lievito nel latte tiepido. Versare sula spianatoia la farina, lo zucchero e il sale e in mezzo versare l'uovo sbattuto e l'olio. Aggiungere pian piano il latte con il lievito e impastare a mano per 10 minuti in modo da ottenere un impasto da pane che non sia appiccicoso. La cioccolata ridotta a scaglie o a cubetti della grandezza desiderata va aggiunta nell'ultimo minuto di impasto. Sistemare la palla in una ciotola coperta e mettere in frigo per una notte. La mattina seguente reimpastare un poco e lasciare a lievitare in un posto caldo per un'ora. Mettere l'impasto in una teglia da plumcake e spennellare la superficie con il tuorlo d'uovo, infornare a 200 gradi per circa 40 minuti. Se volete invece fare i mini panini, il tempo di cottura si riduce della metà.
Scommetto che i bimbi e anche i grandi troveranno irresistibile questa gustosa e sana alternativa al pangoccioli che ha il sapore del pane vero (e non è dolce affatto) e dentro contiene cioccolata vera!
Se poi lo gustate caldo appena sfornato.......

8 commenti:

  1. copiata, stampata, da fare domani per stupire i miei suoceri!! Ilaria...contina così!!

    RispondiElimina
  2. meravigliosa ricetta. noi si evita tutte le merende confezionate...ma questa potrebbe essere una gustosa sorpresa per i miei bimbi!

    RispondiElimina
  3. Bellissima questa Ilaria, mi ricorda tanto la Francia e io adoro la Francia!
    La proverò subito :-)

    RispondiElimina
  4. La posso mangiare anche io!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Kikka! sai benissimo che in famiglia nessuno ha problemi con il latte/lattosio ma ormai da mesi e mesi ho scelto di preparare solo dolci senza l'utilizzo del burro e senza latte, solo olio e latte di soia! più buoni più sani e più leggeri! quando mi vieni a trovare te ne faccio uno gigantesco solo per te!!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Ilaria, complimenti pe la ricetta. Un'ottima alternativa alle classiche merendine, sopratutto per chi in casa ha dei piccoli. Presto mi cimenterò nella realizzazione della ricetta, per adesso "copio" la ricetta e la inserisco nel mio ricettario.
    A presto,
    Ester di Shea

    RispondiElimina
  7. proverò anch io questa ricetta....no per i piccoli ma per me :-)....durante il ciclo e lo studio divoro merendine a go go!grazie ilaria

    RispondiElimina
  8. fantastica ricetta!

    RispondiElimina